LA CORSA DEL BENESSERE – BENESSERE IN CORSA

capezzoli-sanguinanti-e-sfregamento-della-pelle

LA CORSA DEL BENESSERE – BENESSERE IN CORSA

Nella “puntata precedente” vi abbiamo parlato dei vari tipi di corsa.
Ora la nostra attenzione si sposta sui benefici derivanti da questa attività.

Allenarsi, muoversi, praticare sport apporta benessere a corpo, cuore e spirito.
Corpo: ringraziano il tono muscolare e il peso.
Cuore: ringrazia la circolazione.
Spirito: ringrazia l’umore. Meno stress, più endorfine, più felicità.

CORPO
L’eccesso di grasso comporta spesso problematiche, quali arteriosclerosi, disturbi cardiaci e circolatori…
Il grasso che si deposita sull’addome, pur essendo pericoloso per la salute, è quello più facilmente eliminabile con l’attività fisica.
Chi corre perde peso più velocemente rispetto a chi non svolge attività fisica, grazie al processo della lipolisi: le cellule rilasciano il grasso, affinché possa essere bruciato per ottenere energia, utile ai muscoli per sostenere lo sforzo della corsa.
Anche il livello di zuccheri nel sangue viene tenuto sotto controllo con la corsa. L’attività fisica permette, infatti, ai muscoli di prelevare e bruciare una maggiore quantità di glucosio.

CUORE
Correre fa bene anche all’apparato cardiocircolatorio: migliora l’efficienza cardiaca, combatte l’ipertensione e aiuta a tenere sotto controllo il colesterolo. Con lo sforzo della corsa i vasi sanguigni si dilatano e il sangue fluisce incontrando meno resistenze. Il risultato è un abbassamento dei valori della pressione arteriosa.
Inoltre, il muscolo cardiaco stesso è influenzato dall’attività della corsa: un esercizio costante nel tempo fa sì che la frequenza cardiaca diminuisca a riposo. Un vantaggio per le azioni quotidiane.

SPIRITO
Praticare attività fisica fa bene all’umore: tensione e stress si scaricano, l’ansia si dipana e ci si sente meglio grazie alle reazioni chimiche che avvengono nell’organismo. La corsa stimola nell’ipofisi la produzione di endorfine, ossia sostanze chimiche prodotte dal cervello e dotate di una potente attività analgesica ed eccitante.
Curiosità: esiste, a proposito di euforia causata dalle endorfine, un fenomeno chiamato Runner’s high: capita prevalentemente agli sportivi professionisti, ai maratoneti, poiché per verificarsi è necessario uno sforzo prolungato di almeno trenta minuti.

(fonte utile: www.benessere.com)

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.

Call Now
write